James Stuart, Preface, in Stuart-Revett, The Antiquities of Athens, John Haberkorn, London 1762

The ruined Edifices of Rome have for many years engaged the attention of those  who apply themselves to the study of Architecture; and have generally been considered, as the Models and Standard of regular and ornamental Building. [continua]

Una visione astratta. Opere dalla Collezione Maria Cernuschi Ghiringhelli, Museo MAN, Nuoro, sino al 25 febbraio 2018

Moglie di Gino Ghiringhelli,  Maria Cernuschi vive dall’interno la stagione straordinaria del gruppo del Milione e della prima astrazione geometrica italiana, contrassegnata da pubblicazioni come Kn di Carlo Belli, da passaggi come quelli di Kandinsky e Vordemberge-Gildewart, dal genio nuovo di Licini. [continua]

Al Ministero proibito dire Torlonia, in “Il Giornale dell’Arte”, 380, Torino, novembre 2017

Cos’è un “risultato storico”? È una roba di quelle talmente importanti da diventare pietre miliari, tipo il memorandum del 5 ottobre 1954 che restituiva Trieste all’Italia, o gli accordi di Parigi del 27 gennaio 1973 che fecero finire la guerra del Vietnam. [continua]

Gaetano Previati, I colori degli antichi, in La tecnica della pittura, Torino, Fratelli Bocca, 1905

[…] I verdi delle Nozze Aldobrandine sono tutti di rame, per ciò, concludendo, sir Davy Humphry ritiene che gli antichi avessero il vantaggio di due colori, l’azzurro egiziano e la porpora di Tiro sconosciuti ai moderni. [continua]

Fortuny (1838-1874), Museo Nacional del Prado, Madrid,  sino al 18 marzo 2018

Mariano Fortuny y Marsal, padre dell’eclettico omonimo (y Madrazo) che ha regnato da Venezia sulla cultura e sulla moda internazionale, è la grande figura dell’arte spagnola postgoyesca. [continua]

Max Beckmann. Welttheater, Kunsthalle Bremen, sino al 4 febbraio 2018

Nato secessionista, Beckmann è un caso anomalo e vitale dell’arte tra le due guerre, esponente primario del percorso tedesco che assai poco, e non in modo ancillare, guarda a Parigi. [continua]

Raccolta di statue antiche e moderne : data in luce sotto i gloriosi auspicj della Santita di N.S. Papa Clemente XI da Domenico de Rossi.

Illustrata colle sposizioni a cischeduna immagine di Pavolo Alessandro Maffei patrizio volterrano a cav. dell’ordine di S. Stefano e della guardia pontificia. In Roma nella stamperia alla Pace con Privilegio del Sommo Pont. e licenza de’ Superiori l’anno MDCCIV. [continua]

Dada Africa, Orangerie, Paris, sino al 19 febbraio 2018

Certo, l’art nègre d’inizio ‘900 è faccenda ben conosciuta e ben esplorata, ma con dada la questione si articola ulteriormente, e in modi radicalmente diversi: [continua]

Claudio Olivieri. “La luce è sempre la prima luce”, Osart, Milano, sino al 17 febbraio 2018

Giunge molto opportuna questa mostra di opere storiche di Olivieri, una delle presenze maggiori dell’arte italiana del secondo dopoguerra. [continua]

Gefeiert und verspottet, Kunsthaus Zürich, sino al 28 gennaio 2018

“Acclamata e derisa”: non è la sintesi perfetta dell’arte in Francia tra il 1820 e il 1880, ma moltissimo ha di vero, come ben mostra questa ampia iniziativa zurighese. [continua]

Piero Manzoni: The Idea of the Achrome, in Piero Manzoni. The Twin Paintings, Hauser & Wirth Publications – Fondazione Piero Manzoni, Zürich 2017 (versione italiana)

“Non possiamo ammettere alcuna manifestazione di colore inteso come mezzo”, annuncia Piero Manzoni nel testo teorico Una nuova zona di immagini. [continua]

Diorama. Erfindung Einer Illusion, Schirn Kunsthalle, Frankfurt/Main, sino al 21 gennaio 2018

Al Salon del 1824 Louis Jacques Mandé Daguerre espone il dipinto Les ruines de la chapelle Holyrood, ma la pittura è solo il fondamento della sua cultura visiva. [continua]