[D’Alembert, Diderot], Mouler, in Encyclopédie ou Dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers, 10, 1751

Mouler en plaster, (Sculpture.) Le meilleur plâtre dont on puisse se servir pour mouler, c’est celui qu’on tire des carrieres de Montmartre. On le prend en pierres cuites & tel qu’il sort du fourneau: [continua]

Alla faccia! Sul Duomo

[continua]

George Grosz, A proposito dei miei nuovi dipinti, 1921, in La nuova oggettività tedesca, Milano 2002

Tornare alla stabilità, alla costruzione, alla funziona­lità: sport, ingegneria, macchine, niente più dinamismi e romanticismi futuristi… [continua]

Una bananità, in “Il Giornale dell’Arte”, 405, Torino, febbraio 2020 

Confesso che mi diverte ancora, arrivato alla mia età non più tenera e scafata, sorprendermi per le cose che succedono nel e intorno al mondo dell’arte. Lo dico subito: c’entra la banana di Cattelan. [continua]

Jaucourt, Nu, in Encyclopédie ou Dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers, 11, 1765

Le nu, ou le nu d’une figure, désigne les endroits du corps qui ne sont pas couverts. Les Peintres & les Sculpteurs ont quelquefois péché contre les regles de la modestie pour s’attirer de l’estime & de la gloire par leur grand art [continua]

Cézanne et les Maîtres. Rêve d’Italie, Musée Marmottan Monet, Paris, sino al 5 luglio 2020

Di un doppio sogno dice la mostra. Quello coltivato da Cézanne della cultura italiana, in specie la veneta, oltre che del grande classicismo francese maturato a Roma, Poussin in testa. [continua]

Orazio Borgianni. Un genio inquieto nella Roma di Caravaggio, Palazzo Barberini, Roma, sino al 30 giugno 2020

Figura dalla biografia atipica, romano di nascita ma di fatto spagnolo per formazione, cresce all’ombra del fratellastro Giulio Lasso, architetto, e si stabilisce a Roma nel 1605. [continua]

Giovanni Sesia, catalogo, Fabbrica Eos, Milano, La bottega d’arte, Lugano, 2000

È possibile che un volto si trasformi in una natura morta? Questo, certo, doveva chiedersi Giovanni Sesia maneggiando le antiche lastre, retaggio ultimo d’una storia di esistenze.  [continua]

Civilisation, Photography, Now, Auckland Art Gallery, sino al 5 luglio 2020

Il tema è un’iconografia possibile della civilizzazione odierna, uno spazio antropizzato sino a non concepirsi come altro rispetto al naturale ma come luogo tout court, paradigma e misura e metronomo di esistenze in altro modo non qualificabili. [continua]

Paris in the Days of Post-Impressionism: Signac and the Indépendants, Montréal Museum of Art, sino al 27 settembre 2020

Nel 1839 Eugène Chevreul pubblica De la loi du contraste simultané des couleurs ma è nel 1864, nel saggio De l’abstraction considérée relativement aux beaux-arts et à la littérature che sostiene [continua]

[Paul Landois], Académie de Peinture, in Encyclopédie ou Dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers, 1, 1751

Académie de Peinture, est une Ecole publique où les Peintres vont dessiner ou peindre, & les Sculpteurs modeler d’après un homme nud, qu’on appelle modele. [continua]

Marcel Gromaire (1892-1971), l’élégance de la force, La Piscine, Roubaix, sino al 31 maggio 2020

Nella vita artistica è un protagonista della stagione pullulante di Montparnasse, da matissiano osservante, ma porta sempre con sé lo spirito espressionista e rimuginante della sua radice fiamminga. [continua]