Le Antichità della Sicilia esposte ed illustrate per Domenico Lo Faso Pietrasanta duca di Serradifalco. Volume III, Tipografia e Legatoria Roberti, Palermo 1836

Comechè la storia ricordi la famosa città di Agragas dai Romani appellata Agrigentum, qual una delle più ricche e più popolose, che negli andati tempi fiorissero nella Sicilia; pure l’origine di lei, siccome delle antichissime città di sovente si osserva, trovasi avvolta nelle tenebre de’ secoli.

I Greci , la cui fervida immaginazione spaziavasi ne’ sogni misteriosi della favola, attribuirono ad Agragante, figliuolo di Giove e della ninfa Asterope, l’onore di aver dato principio alla nostra città. Essendo però nostro ufficio il seguire la storia, ci studieremo, senza intertenerci gran fatto in simiglianti novelle, di raccorre quanto intorno alla di lei origine, gli scrittori di maggior grido ci conservarono.

Narra Tucidide come Antifemo da Rodi ed Entimo cretese, conduttori di due colonie, 45 anni dopo i primordi di Siracusa fondassero Gela nella spiaggia meridionale dell’isola nostra. Egli soggiunge, che 108 anni dopo nell’anno terzo dell’Olimp. XLIX, Aristinoo e Pistillo insieme ad una colonia di Geloi recaronsi ad abitare presso il fiume Agragas, da cui poscia derivò il nome alla città, ch’eglino a dimora prescelsero. Polibio però attribuisce ai Rodi l’avvenimento medesimo. […]

Agrigento, Veduta generale

Agrigento, Veduta generale

Agrigento, Tempio della Concordia

Agrigento, Tempio della Concordia

Agrigento, Tempio d'Ercole

Agrigento, Tempio d’Ercole

Agrigento, Tempio di Giunone Lacinia

Agrigento, Tempio di Giunone Lacinia

Dettagli del tempio di Ercole

Dettagli del tempio di Ercole

Telamone e frammenti del tempio di Ercole

Telamone e frammenti del tempio di Ercole