Gazira Babeli: Acting as Aliens, Galerija Kapelica, Ljubljana, Slovenia, sino al 15 novembre 2009

Gazira Babeli nasce in Second Life il 31 marzo 2006, e da allora agisce colà facendone il proprio luogo appropriato, cui le mostre nelle gallerie di qua offrono nulla più che una porta d’accesso. Non è il doppio di qualcosa che sta o vorrebbe stare dal nostro lato dell’esperienza: nasce là, per là, pensando come là si conviene, prendendosi gli spazi di autonomia che quei codici e quei contesti istituiscono e rendono agibili: ma mostrandoci i varchi e gli inghippi in cui s’inceppa proprio la nostra esperienza di qua.

Gazira Babeli, Self Portraits - Russian roulette

Gazira Babeli, Self Portraits - Russian roulette

Le sue azioni si basano su una sorta di doppio confliggente registro: una sorta di visività lussureggiante, proliferante, mobile, che enfia a ridondanza feroce e discrepante il nuovo immaginario del popism, e un nitore intellettuale, un’acribia definitiva che ne fa la discendente perfetta della genia più caustica del ‘900, da Duchamp a Fluxus. Statements come “ami la pop art, ma la pop art ti odia”, le operazioni in secondo grado su Klein o Fabro, il gioco – gioco – di collisioni colte di Who’s Afraid of Madeleine, Batszeba and Simonetta?, il luddismo fastoso di Singing Pizza sono alcune delle prove della sua già non esile antologia. Della cultura web nutre e coltiva nel proprio agire soprattutto il dandysmo geniale dei padri fondatori degli atteggiamenti devianti: il pensare se stessa come virus intellettuale, che si insinua nelle pieghe stereotipate del luogo comune culturale corrente e le tende sino a schiantarle, facendoci constatare la loro luccicante inanità: dimostrandoci, soprattutto, che le rovine, i rottami che restano alla fine del gioco, non sono alla fine qualitativamente differenti dalla macchina di senso quand’era all’apparenza funzionante.

Ultima considerazione: che una tra le esperienze meno ovvie sulla corporeità e la sensuosità la ricerca contemporanea le debba a un’artista che abita in Second Life, dovrebbe far trarre qualche deduzione non inopportuna.